Davide Dall'Acqua

Blog

Cinelight – CineLED EVO “M” 5600°K DMX – Test Tungsteno

In questo test nel quale metto a confronto il CineLED EVO “M” 5600°K della Cinelight ho utilizzato un altro interessante prodotto della stessa casa cioè il Cinelight Junior Fresnel 650 watts.

Potenza

La potenza richiesta è di 60W della luce LED contro i 650W della luce a tungsteno. Meno di un decimo della potenza. La luce Fresnel è stata impostata nella posizione Flood in modo da avere un angolo di campo molto simile a quello prodotto dal CineLED “M”.

Cinelight LED Tungsten

La differenza di luce è minima ma l’ombra creata dalla luce LED è decisamente più morbida della luce Fresnel. Possiamo quindi dire che la quantità di luce del CineLED “M” 5600°K a 2m di distanza è molto simile a quella di una luce Fresnel Tungsteno in posizione Flood.

Qualità dei filtri e WB 3200°K

Ho voluto poi provare quindi a testare la resa del filtro warm per la conversione del led ad una temperatura di 3200°K. In questo esempio abbiamo quindi il primo scatto realizzato con in CineLED senza nessun filtro, il secondo (alto a destra) con il fresnel tarato sulla propria temperatura colore, nel terzo scatto il LED con Warm Filter e temperatura colore uguale alla luce tungsteno, nell’ultimo caso abbiamo il CineLED con una gelatina CTO della LeeFilters.

Il risultato del filtro fornito in dotazione è, a mio avviso, superiore alla gelatina CTO. Questa infatti riporta una temperatura colore leggermente troppo calda.

LEDvsTUNG4

È però da notare come, pareggiando i valori d’esposizione, il filtro warm riduca decisamente la quantità di luce emessa.

Cinelight Warm Filter

Qui si conclude il test realizzato per il CineLED “M” 5600°K DMX della Cinelight. Spero possa essere utile a chi leggerà questo articolo e se avete altre domande o curiosità su questo test o sul prodotto scrivetemi pure alla mail presente nella pagina contatti.

Spero di poter realizzare altri test di attrezzatura Cinelight perché per il rapporto qualità/prezzo la considero un’ottima opportunità per i videomakers di oggi.

 

One Comment